visitare pompei

Una gita a Pompei: cose da vedere e da fare

Non solo gli scavi a Pompei

Chi visita Pompei e poi scappa via non sa che cosa si perde. È un peccato arrivare nel cuore della Campania per una visita mordi e fuggi agli scavi. E poi, si può capire per un giapponese che viene una volta nella vita in Europa e che fa dieci tappe in tutto il continente: per lui Pompei è una delle dieci e di più non può. Ma un italiano che arriva a Pompei, può approfittare per farvi tappa e dopo l’inevitabile giro approfondito nel sito archeologico ha mille diverse opportunità.

Si scelga un bell’albergo, ben collegato sia con la ferrovia che con l’autostrada e dia inizio a un giro indimenticabile. Il Resort Hotel di Pompei, è un quattro stelle che risponde a tutte queste condizioni e dunque può essere la base per la gita nelle bellezze della Campania.

Napoli e Salerno

Pompei è  a metà strada tra Napoli e Salerno e di qui si può partire per visitare la capitale del Sud, con i suoi musei, le sue splendide chiese, il centro antico ricco di beni culturali e pittoresco, la sua tradizione culinaria unica. Ma anche Salerno, nemmeno mezz’ora di auto, merita una visita, magari nel periodo delle Luci d’Artista, straordinaria attrazione in cui l’intera città viene illuminata da bellissime luminarie che la impreziosiscono.

Altri siti archoelogici

Se la visita archeologica non è stata sufficiente a soddisfare la curiosità sugli antichi romani e sull’eruzione del 79 d.C. c’è Ercolano a dieci minuti da Pompei, con la sua città più piccola dell’antica Pompei, ma anch’essa distrutta da quel terribile evento e oggi visitabile nella sua integra struttura urbana, con tanti punti in comune con Pompei, ma anche caratteristiche particolari, come la ricchezza delle abitazioni private che prevalgono sugli edifici pubblici. E poi a Torre Annunziata, così vicina da poter essere quasi raggiungibile a piedi, c’è la villa di Oplonti, una splendida villa romana, appartenuta alla famosa Poppea, la moglie di Nerone, una grande villa ricca di decori, di stanze di una terma privata, addirittura di una piscina, splendido esempio di quelle ville per l’otium che i romani costruivano nei più bei luoghi della Campania Felix.

La costa

C’è poi i mare, vicino a Pompei, con la costa d’Amalfi e il promontorio di Sorrento a pochi chilometri in linea d’aria e raggiungibili in auto in meno di un’ora. Sorrento, Massa Lubrense, e poi Meta, sant’Agata dei due Golfi (da cui si vede un grande panorama del golfo di Napoli e di quello di Salerno) sono perle della costa, con panorami splendidi su Capri, sul Vesuvio sulle isole. E dall’altro lato c’è Ravello, Amalfi, la più bella costiera del mondo.

Ma se ci si ferma a Pompei per qualche ora e si visita la cittadina moderna, si è in un ambiente tranquillo, dominato dalla mole imponente della Basilica dedicata alla miracolosa Madonna del Rosario, visitata ogni anno da migliaia di fedeli e di devoti della Madonna che vengono da tutta Italia. E poi un tranquillo shopping, dei bar accoglienti con le specialità locali. E se si vuole rivedere gli scavi, non si finisce mai di godere di nuove occasioni. Si resti a Pompei qualche giorno e non ci si pentirà sicuramente.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *