Guida introduttiva della città di Pompei

Introduzione su Pompei

Pompei, città storica sita vicino a Napoli, è stata protagonista di un intenso e drammatico fatto storico, raccontato dal poeta latino Plinio, nel 79 d.c., quando il vulcano Vesuvio sprigiono’ tutta la sua irruenza e nascose tra le sue ceneri i resti di Pompei e dei suoi abitanti.

Pompei ed i suoi magnifici scavi, nel 1997, sono diventati Patrimonio dell’Unesco.

Vediamo nel dettaglio la piccola guida sulla città di Pompei, che vi stupirà con le sue bellezze naturali e gastronomiche.

Il Santuario della Beata Vergine del Rosario

Bartolo Longo raccolse innumerevoli fondi per la costruzione della Basilica, che fu eretta nel 1876. Nel corso dei secoli è stato il Santuario è stato modificato e reso più grande, in quanto non riusciva ad accogliere gli infiniti fedeli e pellegrini. Attualmente la Basilica ha tre navate.

Quelle minori hanno tre altari in ogni lato, e si incrociano dietro l’abside, dove sono state erette quattro cappelle semicircolari. L’8 maggio e la prima domenica di ottobre, si svolge la Supplica alla Madonna di Pompei.

IL Foro

Il Foro di Pompei fu il fulcro economico, politico, sociale e religioso della città. Non occupava uno spazio immenso.

Solo dopo il II secolo A.C. l’area fu ampliata, grazie all’uso di coperture per le botteghe e dei portici per proteggere i passanti dalle intemparie.

La pavimentazione originariamente in tufo, venne sostituita con un lastricato , in marmo travertino.

Sono ancora visibili i resti del Tempio di Apollo.

L’Anfiteatro

L’Anfiteatro è un’antichissima costruzione in pietra. Risale all’80 a.C.

Non esisteva alcun sotterraneo sotto il piano dell’arena. Nella parte superiore sono visibili i larghi fori creati per proteggere gli spettatori dai capricci del clima.

Le gradinate dell’Anfiteatro erano divise in tre ordini, e uno di questi era riservato alle donne.

La Villa dei Misteri

La Villa dei Misteri è un’antica casa romana, non molto distante dagli scavi archeologici.

Non è noto il nome del proprietario, ma alcuni indizi fanno pensare a ricchi patrizi romani.

Secondo indiscrezioni la Villa era propria diLivia, la moglie dell’Imperatore Augusto.

La Villa dei Misteri è stata nominata in tal modo, a causa di vari quadri, all’interno dell’abitazione, di dubbio significato.

I dipinti ritraggono una donna intenta a venerare un culto.

Già, ma quale?

Alcuni esperti hanno pensato ad un rito dionisiaco, altri, ritengono che la donna sia in procinto di sposarsi.

Qualunque sia il culto, gli affreschi della Villa dei Misteri di Pompei, sono affascinati e piacciono molto a visitatori e turisti.

Come muoversi a Pompei

Per godere di tutte queste bellezze artistiche, tipiche di Pompei, in totale autonomia, puoi scegliere di noleggiare un’auto. Il vantaggio?

Organizzi partenze e gite senza problemi di orario, assaporando ogni istante, attimo per attimo, la tua splendida vacanza.

Se ami passeggiare, invece, sappi che Pompei è una piccola città pianeggiante, ideale anche per chi ama andare in bicicletta.

In alternativa è attivo un servizio di taxi e di bus.

Pernottare a Pompei

Potete scegliere un hotel nelle zone del centro, oppure nelle parti più importanti. I prezzi sono accessibili e non esosi: spenderete circa 70 € per un albergo a 4 stelle.

Se preferite potete alloggiare in un B&B, oppure in un agriturismo.

In tali strutture i prezzi si aggirano tra i 45 ed i 100 €.